come funziona un depuratore di acque reflue

I depuratori di acque reflue svolgono un ruolo fondamentale nel trattamento delle acque usate provenienti da impianti industriali, domestici e urbani, prima di essere rilasciate nell’ambiente. Questi impianti sono progettati per rimuovere inquinanti, batteri e sostanze nocive dall’acqua, rendendola sicura per il rilascio o il riutilizzo. Ma come funzionano esattamente i depuratori di acque reflue e quali sono i processi coinvolti? Scopriamolo in questa guida completa.

1. Prelavaggio e pretrattamento

Il processo inizia con il prelavaggio e il pretrattamento dell’acqua reflua. Durante questa fase, le grosse particelle solide vengono rimosse attraverso setacci meccanici o griglie che impediscono il passaggio di detriti e materiali solidi più grandi. Questo passaggio è essenziale per proteggere le pompe e gli altri componenti dell’impianto da danni causati da detriti solidi.

2. Trattamento primario

Una volta completato il pretrattamento, l’acqua reflua passa al trattamento primario, dove avviene la separazione dei solidi sospesi più fini. In questa fase, l’acqua viene fatta decantare all’interno di grandi vasche, consentendo ai solidi più pesanti di depositarsi sul fondo, formando un fango. Questo fango viene poi pompato via per il successivo trattamento o smaltimento.

3. Trattamento secondario

Dopo il trattamento primario, l’acqua passa al trattamento secondario, dove avviene il processo di biodegradazione dei materiali organici presenti nell’acqua. Questo processo è generalmente realizzato attraverso il trattamento biologico, in cui i batteri presenti nell’acqua vengono utilizzati per decomporre i materiali organici. Questi batteri hanno bisogno di ossigeno per sopravvivere e quindi l’acqua viene ossigenata attraverso l’insufflaggio di aria o l’agitatore meccanico all’interno di grandi vasche di aerazione.

4. Trattamento terziario

Dopo il trattamento biologico, l’acqua subisce spesso un trattamento terziario per rimuovere contaminanti residui e ottenere una qualità dell’acqua ancora più elevata. Questo può includere processi avanzati come la filtrazione attraverso membrane, l’aggiunta di prodotti chimici per la disinfezione e la rimozione dei nutrienti in eccesso come il fosforo e il azoto.

5. Disinfezione e rilascio

Una volta completato il trattamento, l’acqua depurata è pronta per essere disinfettata prima del rilascio nell’ambiente o per il suo riutilizzo. La disinfezione può avvenire attraverso l’aggiunta di cloro, ozono o raggi ultravioletti, che uccidono batteri e altri microrganismi patogeni presenti nell’acqua. Dopo la disinfezione, l’acqua trattata può essere rilasciata nei corpi idrici superficiali o utilizzata per scopi non potabili come l’irrigazione.

In conclusione, i depuratori di acque reflue svolgono un ruolo vitale nel trattamento delle acque usate, garantendo che l’acqua rilasciata nell’ambiente sia pulita e sicura (fermo restando l’importanza di una sorveglianza attiva e di uno sistema sanzionatorio adeguato). Attraverso una combinazione di processi meccanici, biologici e chimici, questi impianti sono in grado di rimuovere inquinanti e contaminanti, proteggendo così la salute pubblica e l’ambiente.

Se desideri maggiori informazioni o hai bisogno di assistenza nella progettazione e installazione di un depuratore di acque reflue su misura per le tue esigenze, contatta SDG Depurazioni oggi stesso. Il nostro team esperto è pronto ad aiutarti in ogni fase del processo.

cosa prevede il decreto siccità
Cosa prevede il decreto siccità e come agisce sul trattamento delle acque reflue

L’estate del 2023 ha portato una svolta significativa nel panorama normativo italiano con l’introduzione del cosiddetto decreto di siccità. La legge, emanata il 13 giugno 2023, rappresenta una risposta tangibile alla crescente minaccia della scarsità idrica, fornendo un quadro normativo …

Scopri di più
Chi sorveglia gli impianti di trattamento delle acque reflue
Chi sorveglia gli impianti di trattamento delle acque reflue?

Gli impianti di trattamento delle acque reflue svolgono un ruolo fondamentale nel garantire la depurazione delle acque prima del loro rilascio nell’ambiente. Per garantire che tali impianti operino correttamente e rispettino gli standard ambientali, è necessario un rigoroso processo di …

Scopri di più
Quando l'autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali NON è necessaria
Quando l’autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali NON è necessaria

In Italia, la gestione delle acque reflue industriali è disciplinata da normative rigorose, ma ci sono situazioni specifiche in cui le imprese potrebbero essere esentate dall’obbligo di ottenere un’autorizzazione specifica per lo scarico di acque reflue. Scopriamo quindi quando non …

Scopri di più